Testaroli

I Testaroli della Lunigiana sono una pasta di antica origine. Diffusi già ai tempi di Roma imperiale, sono diventati nel corso dei secoli un piatto di prim’ordine della cucina regionale Toscana, semplice e genuina. Ancora oggi vengono realizzati con gli stessi pochi ingredienti di allora: farina, acqua e sale.Il termine “Testaroli” deriva dalla parola “testo”, che è il contenitore in ghisa (un tempo in argilla) nel quale avviene la prima fase della loro cottura. Sono a base di farina di grano (ma anticamente erano fatti certamente col farro) e si presentano come dei dischi molto sottili.

Io non ho il testo , mi adatto a farli con una semplice padella antiaderente di pietra.

Ingredienti per 3 /4 persone

300gr di farina00

100 gr di farina integrale

Acqua qb per ottenere una pastella morbida

sale

Procedimento

Mescolare la farina con l’acqua e il sale fino ad ottenere una pastella morbida, far riposare per una mezz’oretta.Scaldare la padella e versare la pastella come per formare una crepes, lasciandola più spessa. Cuocere fino a quando si staccherà dalla padella, quindi girare. il sopra sarà un po’ più chiaro come colore20140403_192015

Una volta cotti , si tagliano a losanghe.

20140404_195515

Si mette l’acqua a bollire , si sala  quando raggiunge il bollore si spegne  a questo punto si buttano i testaroli. Cuociono in pochissimo tempo , appena vengono a galla sono pronti . Si possono condire con olio e parmigiano , con pesto , con sugo di fughi. I miei erano troppo sottili, quindi voi lasciateli più spessi!

20140404_202902

Tags from the story
,
More from zampineincucina

Pane di semola senza impasto, il pane per tutti

Pane di semola senza impasto, il pane alla portata di tutti. Si...
Read More

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.