Stoccafisso accomodato alla Ligure

Stoccafisso accomodato alla genovese, la ricetta di mia mamma.

Era tanto che non facevo lo stoccafisso accomodato perchè mia figlia odia l’ odore del pesce. Siamo sinceri, lo stocche non profuma ma è di un buono che si supera tutto!


A Genova Stoccafisso e Baccalà sono un classico, cucina povera ( una volta). La differenza tra i due è solo la conservazione, il pesce è lo stesso, il Merluzzo, ma mentre il baccalà è sotto sale, lo stoccafisso si fa seccare.
Per cucinarli uno va lasciato in acqua possibilmente corrente per togliere il sale e l’altro va lasciato sempre in acqua corrente per farlo rinvenire.
A Genova nelle pescherie ci sono delle vasche di marmo con il pesce a bagno, naturalmente si può fare anche in casa, ma ci vogliono almeno 3 giorni per avere un buon risultato e l’odore c’è, è innegabile.
Però…che piatto delizioso, servito in inverno fumante, con una bella polenta a fianco magari, è delizioso.
Una ricetta di facile esecuzione secondo me, ma di sicuro successo.

Ingredienti per lo stoccafisso accomodato

 

  • 1 kg di stoccafisso tagliato dalla parte della testa ( è più spesso)
  • 400 gr di patate
  • 200 gr di passata di pomodoro
  • olive verdi
  • 40 gr di pinoli
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio di aglio
  • olio extra vergine di oliva
  • una manciatina di capperi
  • 2 acciughe sotto sale

Procedimento per lo stoccafisso accomodato alla ligure

  1. Per prima cosa pelate e tagliate a quadrettoni grandi le patate e lasciatele a bagno in acqua fredda
  2. Mettete su una pentola capiente con acqua a bollire
  3. Quando questa bolle versate i pezzi grandi di stoccafisso e riportate a bollore.
  4. Appena l’acqua bolle togliete lo stoccafisso e mettetelo da parte, TENETE l’acqua di cottura
  5. Quando si sarà un po’ raffreddato pulitelo da pelle e spine, sfaldando con le mani i pezzi
  6. Scaldate una padella capiente e mettete un giro generoso di olio extra vergine
  7. Tritate la cipolla con l’aglio e fatela rosolare, quindi aggiungete le acciughe pulite e fatele sciogliere.
  8. A questo punto unite lo stoccafisso e fatelo rosolare bene, per circa 10 min, quindi aggiungete i
  9. pinoli, le olive e i capperi, poi  la passata e unite qualche mestolo di acqua di cottura del pesce.
  10. Continuate la cottura a fuoco medio, unendo se necessario acqua di cottura.
  11. Dopo circa 45 minuti unite le patate, a pezzi grandi, altra acqua e continuate a cuocere fino a quando queste ultime non saranno morbide.
  12. Assaggiate e se è il caso salate.
    Qualcuno mette del prezzemolo, io lo faccio come lo faceva mia mamma e non c’era.
    Preparate una bella pagnotta o della polenta vi verrà un sughetto delizioso
    Ne faccio sempre di più , poi lo metto subito in abbattitore per raffreddarlo, in questo modo potrò mangiarlo come se fosse stato appena cotto anche dopo 6 giorni.
More from zampineincucina

“Aglione” : la ricetta del sugo toscano per condire i pici!

Aglione: il sugo perfetto per i pici. Anni fa a Volterra per...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.