I miei gatti Miou, Toby e Bignè

 I miei gatti, Miou Toby e Bignè

Che brutta giornata qui a Genova. Il brutto tempo e un’allerta rossa non favoriscono di certo il buon umore. E, se per completare il quadro ci mettiamo un paio di costole rotte, che mi costringono a letto, o meglio sul divano, perchè non posso stare sdraiata, il mio disappunto non può far altro che aumentare.

Per fortuna in casa ci sono sempre mio marito e mia figlia, ma capita che, a volte, io sia sola. Quando capita ho sempre paura di annoiarmi, ma poi, quasi sempre, arrivano a zampa pronta ad aiutarmi.

imieigattiMiouTobyeBignè
Bignè

Per farvi un esempio, Bignè, il meno coccolone di tre, è sempre su una sedia a fianco al mio letto, spesso dorme, ogni tanto mi mordicchia, ma la cosa che fa più volte al giorno a chiedermi di giocare. Arriva, con la sua pallina in bocca e la mette dove io posso arrivare a prenderla, la lancio e lui la riporta. Insomma, io pensavo di aver comprato un maine coon, non un cane.

Fatto sta che, per quanto non gli piacciono le coccole fisiche, mi dimostra affetto a modo suo. Se io sono in una stanza c’è anche lui, se io mi sposto lui viene dietro.

Toby
Toby

Il contrario di Bignè è Toby, il coccolone di casa. È molto abitudinario e il cambiamento di stanza dove sto io,(sono costretta in camera di mia figlia sul divano perché il mio letto è troppo morbido), lo ha scombussolato talmente tanto da costringerci a portarlo dal veterinario.

Quella mattina è iniziato miagolare senza sosta, disperatamente. Io e mio marito non capivamo cosa avesse, quindi lo abbiamo messo nel trasportino e di corsa sono andati dal veterinario, il quale gli ha fatto una visita approfondita escludendo qualsiasi tipo di malessere fisico. La conclusione è stata, appunto, che un cambiamento in casa lo avesse turbato talmente tanto, da scatenare una conseguenza così forte. Così, quella stessa mattina, ho provato a mettermi nel mio letto, e non so descriverli con che felicità lui è arrivato carico diffuso. Dopo un paio d’ore io sono tornata nell’altra camera, e lui si era calmato.

È molto attaccato a noi. Anche quando avevamo una casa in campagna e lasciavamo uscire i gatti, all’epoca c’erano solo lui e Miou, Toby non si allontanava mai, e al calar del sole, stava definitivamente in casa fino alla mattina seguente. Spesso e volentieri miagolava a qualcuno di noi e ci faceva capire che voleva fare un giro nel bosco, o nel prato sotto casa, ma voleva essere accompagnato. Così lo seguivamo e lui era felice. Quando tornavamo a casa, ci seguiva anche lui.

Nel mezzo tra i due, solo perché parliamo di dolcezza, troviamo appunto Miou la più piccola, ma la più anziana. Ha però ancora un po’ l’anima da cucciolona. Bignè le ha rubato la scena, se si tratta di gioco, soprattutto quando facciamo il letto la mattina e ad entrambi piace nascondersi sotto le coperte. Se fosse per Bignè giocherebbero insieme, ma lei fa un po’ la refiosa e se non è la sola se ne va.

Ma refiosa lo è solo con i suoi simili, con noi è molto dolce. Per lei, il mio infortunio è stato un regalo e probabilmente si chiederà come mai non è successo prima e molto spesso.

ImieigattiMiouTobyeBignè
Miou

Adora dormire sulle gambe o di lato, ma odia quando ti muovi e quindi, spesso, quando ti metti su un fianco nel sonno, lei se ne va offesa. Ovviamente, io adesso su un fianco non riesco a stare, passò ore e ore nella stessa posizione, e lei, sulle mie gambe atrofizzate, è la gattina più felice del mondo.

In questa mia piccola sfortuna, ho scoperto ancora di più quanto io ami i miei gatti.

More from zampineincucina

Crema al caffè nel bicchiere

Crema caffè nel bicchiere, un modo delizioso per chiudere un pasto, non...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.