La Pastiera Di Clara

Piccola premessa, io sono genovese doc, la pastiera non fa parte della mie tradizioni Pasquali , ma sul web si fanno tanti incontri , io ne avuti di meravigliosi, Clara è la mia amica di Napoli , verace, bella, simpatica da morire e BRAVISSIMA in cucina. Conoscendola ho  conosciuto piatti che non immaginavo mi potessero piacere e invece eccomi qua a raccontarvi questo piatto tipico  che Clara ha imparato dal nonno pasticcere e che negli anni ha modificato a suo gusto. Si deve  ( per tradizione ) cuocere il Giovedi Santo per poi gustarla il giorno di Pasqua.  Non fate come me che l’assaggio prima , non si può  ( però è buonissima) rimanendo a riposo i suo sapori si esaltano: Bando alle ciance eccovi la ricetta. Devo ringraziare anche Claudia, l’amica che ha scattato queste foto 🙂

IMG-20140418-WA0005

 

Ingredienti

Ingredienti per uno stampo da 20 e uno da 28

Pasta frolla

  • 500 gr di farina
  • 200 gr di burro
  • 200 gr di zucchero
  • 2 uova
  • 1 pizzico di sale
  • Impastare velocemente e mettere a riposare avvolto con pellicola in frigo per almeno 1 ora ( io l’ho fatta il giorno prima)
  • Ripieno
    • 750 gr di grano precotto
    • 500 gr di ricotta
    • 500 gr di zucchero
    • 5 uova medio/piccole
    • 1 bustina di vanillina
    • 2 fialette piccole di millefiori
    • un po’ di latte
    • buccia grattugiata di una grossa arancia e un limone
    • canditi a piacere ( ho messo 50 gr di arancia candita  e 50 gr cedro candito BUONI)
    • -Preparare il grano mettendolo in pentola con il latte e un fiocchetto di burro (il latte deve essere a filo con il grano). Cuocere mescolando spesso; quando il grano avrà assorbito il latte e sarà diventato una crema spegnere e passarlo al passaverdura quando è ancora bollente. Questa operazione io l’ho fatta nel bimby , per comodità ho messo tutto il grano ,coperto col latte e cotto a 90° per 25 minuti ,poi ho frullato  da 0 a vel turbo fino a quando il grano  è diventato una crema Farlo raffreddare benissimo.
    • -Impastare a mano la ricotta (messa a colare una notte) con lo zucchero. Aggiungere le uova, la buccia grattugiata di arancia e limone, la vanillina, le fiale di millefiori; mescolare bene e aggiungere il grano passato. Rimescolare bene e aggiungere i canditi, se vi piacciono a pezzi oppure frullati. A mio gusto li preferisco frullati , l’importante è l’ottima qualità dei canditi che usate.
    • Stendere la frolla e ricoprire lo stampo e tagliare l’eccesso. Versare il composto lasciando un paio di centimetri dal bordo perchè gonfierà in cottura.
    • Ricoprire con le strisce
    • -Infornare a 150° statico oppure 130° ventilato per 2 ore e mezza circa, dipende tantissimo dal forno.
    •  Sono cotte quando il loro colore sopra è  quasi caramello , se si rompono sopra non ci sono problemi, anzi come dice Clara “Le crepe sono importantissime, se la pastiera non ha crepe non è una pastiera”
More from zampineincucina

Coppa fragole e panna

Coppa fragole e panna, buonissima e velocissima. In questa stagione le fragole...
Read More

5 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.